Andiamo a votare insieme.

Ci sono bambini che sono vittime di patologie neurologiche complesse, di origine genetica o traumatica. Purtroppo non sono pochi. Sono pochi per le case farmaceutiche che non hanno interesse a sviluppare farmaci per le malattie definite rare (perchè colpiscono meno di una persona ogni 2000!). Purtroppo la migliore, se non unica, cura è la riabilitazione. Una riabilitazione molto complessa.

La TOG (Together to go) è una Onlus milanese che si occupa proprio di curare bambini affetti da lesioni del Sistema Nervoso, o di origine genetica o sviluppatesi nella vita intrauterina o conseguenti a traumi neonatali.

Bambini che hanno deficit motori, cognitivi, comportamentali e di comunicazione per cui l’unica cura efficace è proprio quella riabilitazione che la fondazione TOG cerca di offrire gratuitamente con l’obiettivo di stimolare lo sviluppo della loro personalità e di potenziarne le capacità malgrado la complessità delle patologie.

Una ben nota società di assicurazione ha lanciato un concorso mettendo in palio 50.000 euro che andranno alla storia più votata tra quelle solezionate. Votare costa poco e io nel dubbio consiglio di votare per la bella storia della GOG: quei 50.000 euro moltiplicheranno e tanto il loro valore venale.

Camargue/2–Se vi piace vincere facile…

Visti i risultati della giornata precedente ho deciso di puntare subito il Parco ornitologico di Pont de Gau. Fenicotteri e altri volatili abbondano.

DSC_3737

DSC_3783DSC_3849

D’altronde sono proprio vicini, soprattutto la mattina quando vengono nutriti abitualmente dagli operatori…

DSC_3854

Abbiamo trascorso tutta la mattina lungo i sentieri del parco. Poi abbiamo proseguito per i dintorni a partire dalla super-turistica Saintes Maries de la Mer. Pomeriggio e sarata in quel di Arles, passeggiando tra le Arene e nel centro storico. Bello il museo Reattu, dove abbiamo la fortuna di visitare anche la mostra di Lucien Clergue, fotografo autodidatta che è riuscito a laurearsi con una tesi fatta di sole fotografie oltre che anima dei Rencontres d’Arles. Cena non certo memorabile.

Camargue/1

La sola settimana di vacanze disponibile questa estate è stata dedicata al sud della Francia, nei dintorni di Arles. La prima giornata l’abbiamo trascorsa alla ricerca dei fenicotteri rosa attraversando tutta la Camargue. Da Arles ci siamo diretti a Saint-Gilles, dove volevo visitare l’Abbazia di Sant’Egidio inserita nel patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO e la cui facciata romanica è considerata una sorta di libro iscritto nella pietra. Visita breve perché la facciata non è certo in ottimo stato, peccato, anche se lo stile provenzale è ben riconoscibile ma l’antica ricchezza sembra rapidamente divorata da una specie di lebbra lapidaria.

Da Saint-Gilles a Aigues-Mortes la distanza è breve. La cittadina è davvero pittoresca con la sua cinta muraria. E’ anche molto turistica. Decidiamo di non passeggiare per le mura e soprassediamo rispetto alla visita delle locali saline. A due passi dalla stessa cittadina ci sono l’impressionante – per via della dimensione – spiaggia dell’Espiguette e la massiccia Tour Carbonnière, antico passaggio obbligato e quindi dogana ideale. Dalla sua cima lo sguardo abbraccia agevolmente il selvaggio panorama circostante.

Alla ricerca della tipica fauna locale bipede (i quadrupedi, tori e cavalli, abbondano) si spostiamo verso Scamandre. La passeggiata è bella, ma di volatili se ne vedono pochi e tra questi non c’è alcun fenicottero. Allora decidiamo di puntare Salin de Giraud. Ricordavo grandi montagne di sale. Non ci sono più. C’è ancora il colore rosato delle vasche delle antiche saline (chiuse da oltre 15 anni) e soprattutto ci sono i fenicotteri rosa.

DSC_3719 

Ci rimettiamo in moto e ci dirigiamo Sambuc, verso un ristorante segnalato da amici fidati. Purtroppo l’Estrambord è aperto solo all’ora di pranzo (non è esattamente un locale per turisti!) ma il proprietario ci indica un buon ristorante che diventerà un appuntamento ricorrente delle prossime serate: il Flamant Rose ad Albaron.